Costruzione Parchi

Ti piacerebbe aprire un parco avventura e non sai come fare?

Perche' aprire un Parco Avventura?

Il Parco Avventura offre un’opportunità:

-ai privati che aspirano ad investire in un'attività commerciale di consolidato successo;

-agli enti pubblici che desiderano valorizzare aree del proprio territorio altrimenti sotto-utilizzate. 

Spesso, inoltre, grazie al suo basso impatto ambientale, il Parco Avventura si colloca in zone di alto valore naturalistico ed è diventato, negli anni, un elemento presente nei principali comprensori turistici italiani e esteri.Oltre al turista il Parco Avventura si rivolge al territorio ospitando gruppi scolastici, trattandosi di un'attività motoria che responsabilizza il bambino. Promuovendo le dinamiche virtuose di gruppo è ideale per ospitare esperienze di Team Building, compleanni, colonie e gruppi estivi.

Come fare?

Arborea snc realizza Percorsi Acrobatici in Altezza per ogni esigenza, dai parchi avventura di concezione tradizionale, fino alle installazioni leggere per playground, che non richiedono l'obbligo di utilizzare DPI,  dai parchi smontabili a quelli artificiali.

La decennale esperienza di Arborea snc, acquisita nel mondo dei Parchi Avventura, garantisce qualità, affidabilità e sicurezza con i migliori standard qualitativi del settore, nel rispetto delle versioni più aggiornate della normativa in vigore UNI EN 15567-1/2.

Arborea snc fornisce un servizio a 360° e rimane al tuo fianco in tutte le fasi di realizzazione: dalla scelta del sito, all'espletamento delle pratiche burocratiche, fino all' affiancamento diretto nelle dinamiche gestionali post-apertura, grazie anche alla collaborazione con studi ingegneristici, dottori forestali, arboricoltori.

I nostri percorsi acrobatici

Grazie alla lunga esperienza come gestori, Arborea snc realizza percorsi acrobatici per ogni esigenza, divertenti ed emozionanti per gli utenti, senza dimenticare i doveri di sorveglianza dei gestori. L’installazione classica su alberi viene condizionato dallo stato fitosanitario delle singole piante. Per qesto motivo sono previste delle indagini diagnostiche eseguite da un dottore forestale abilitato mediante metodo V.T.A. (Visual Tree Assessment) e, dove necessario, con prove strumentali.

 

 PERCORSI BABY SENZA DPI:

Una miniatura dei percorsi avventura tradizionali: ponti tibetani, liane, reti a non più di 80 cm di altezza dal suolo. Questo percorso permette di non utilizzare imbracature e moschettoni e può essere considerato come un integrazione ai tradizionali giochi presenti nelle aree gioco. Sono sufficienti poche piante, anche di piccola taglia, e un terreno privo di ostacoli. E’ disponibile anche la  versione “Tunnel”, in cui una simpatica rete di contenimento colorata garantisce la sicurezza degli utenti, permettendo di installare le piattaforme ad una altezza maggiore.

 SUPPORTI ARTIFICIALI:

Quando le piante non soddisfano i requisiti di sicurezza o il loro numero non risulta sufficiente è possibile realizzare dei supporti artificiali per ancorare i percorsi acrobatici. In questo modo è possibile realizzare strutture in aree prive di piante ma facilmente fruibili da un alto numero di clienti.

Rispetto per l'ambiente e la sicurezza

La strutture sono realizzate nel rispetto della normativa europea di riferimento UNI EN 15567-1, utilizzando elementi costruttivi che assicurano un alto grado di protezione alle piante. Gli elementi fondamentali costruttivi, quali piattaforme e ancoraggi per le funi di acciaio, sono realizzati con metodi che non producono danni e non interferiscono con le funzione vitali della pianta, garantendone la completa protezione. Tutti i sistemi sono regolabili e facilmente smontabili in modo da poter ripristinare in breve le condizioni originali.

Gli arredi che costituiscono i percorsi acrobatici sono studiati e realizzati nel pieno rispetto delle singole piante e dell’intera area di destinazione, a cominciare dall’analisi VTA delle alberature per la valutazione del loro stato fitosanitario e della loro stabilità meccanica. Il risultato finale è finalizzato a integrarsi con l’area e il paesaggio circostante.

La qualità dei materiali utilizzati sono il frutto della lunga esperienza della nostra società nella gestione diretta dei Parchi Avventura. Le modalità realizzative e le carateristiche dei materiali corrispondono alla normativa europea di riferimento UNI EN 15567-1.

Le parti metalliche come i cavi per le linee di vita, le morsettature e le barre filettate sono in acciaio zincato e certificate CE. Il legname per le piattaforme, gli arredi e le protezioni per la pianta è costituito da pino pretrattato trattato in autoclave o larice naturale. Le parti sintetiche sono costituite da corde, reti e materassi ad alta resistenza.

Faq

Per aiutarti a capire velocemente se la tua idea possiede le caratteristiche minime di fattibilità, leggi l'elenco Domanda/Risposta che segue:

D: le piante che ho individuato saranno adatte? qual'è il diametro minimo delle piante necessario per l'installazione? Il bosco è adatto?

-Il diametro minimo deve essere di circa 30 cm (circonferenza 95 cm al petto). Tieni presente che è possibile integrare la struttura con pali artificiali, di legno lamellare, piantati nel terreno.

-E' possibile installare i percorsi su praticamente ogni tipo di pianta. Le essenze più adatte sono le conifere, che presentano un fusto diritto.

-Per facilitare il lavoro degli operatori e il controllo, è preferibile un'area complessivamente piana. Nel caso che il bosco presenti pendenze, è comunque possibile realizzare i percorsi in senso perpendicolare rispetto al declivio.

-In caso di fitto sottobosco, è consigliabile diradare le piantine presenti, nel rispetto dei vincoli territoriali, tenendo comunque presente che rimangono necessari i camminamenti per pubblico e operatori.

Come faccio a sapere se sono sane e stabili?

-Contatta un agronomo esperto! Egli ti può fornire tutte le informazioni basilari necessarie solo con un'occhiata.

C'è un numero minimo di piante per progettare un parco avventura di media grandezza? 

-Da un minimo di 20.

Quali sono i requisiti minimi indicativi e generici per capire se l'area interessata è adatta ad ospitare un Parco Avventura, inteso come attività commerciale? 

  1. L'area individuata può attingere ad un importante bacino di utenza?

  2. L'area è soggetta a vincoli paesaggistici o idrogeologici? 

  3. Qual'è la tipologia di clienti che transita nella zona? Famiglie, sportivi, gruppi?

  4. C'è un'area parcheggio in prossimità dell'area individuata? 

  5. I grandi pullman vi possono accedere?

  6. I mezzi di soccorso hanno un accesso agevolato? 

  7. Possono sostare i camper?

  8. E' possibile allacciarsi alla corrente elettrica? 

  9. E' possibile realizzare un punto di ristoro?

  10. C'è un area sicura per stoccare il materiale ( DPI, Minuteria, attrezzi ecc )? 

Ti servono alcuni dati per realizzare un business plan realistico? Noi possiamo fornirti i dati necessari, le statistiche più aggiornate e gli studi di settore, confrontati con la nostra diretta esperienza personale: spese di manutenzione, gestione, comunicazione personale ecc

Scarica la Brochure dedicata alla Realizzazione Parchi

Costruzione ParchiCostruzione Parchi [1.889 Kb]